Generare mappe di Edsi e Nibiru

Posted · Add Comment
In Le Notti di Nibiru giocherete spesso nelle Edsi, le città umane; per tale motivo è comodo avere qualche tool per generare mappe all’occorrenza, magari più d’uno visto che in realtà le Edsi sono enormi metropoli dall’estensione pari a 1 volta e mezzo la Lombardia!
I tool possono essere utili anche per creare duentu, antichi avamposti umani raffazzonati usati dagli esiliati delle Edsi (i duentu), o villaggi di creature autoctoni (tra cui i Dolem e i loro agglomerati).
Oggi vi presentiamo qualche nostro software online utile per questi scopi!

Generare Mappe con Medieval Fantasy City Generator

Un esempio di City creata con Medieval Fantasy City Generator

Questo sito è fantastico: lo aprite e vi genera automaticamente delle città semplicemente cliccando sui pulsanti a destra.

Come gestirlo per Nibiru? Dopo aver aperto il link:

  1. vai su Options > Style > Night.
  2. Clicca su hatching per vedere la mappa a colori.
  3. Attiva il block view, così vedrai i quartieri.
  4. Clicca su small city o large city.
  5. Ora, clicca col tasto destro del mouse su una parte scura della città e fai “Salva immagine con nome”.
Passando col mouse sopra alla città vedrai i nomi dei quartieri. Benché sia fatto per campagne medievali fantasy, questo generatore è perfetto anche per Nibiru. L’unica accortezza sarà quella di eliminare gli edifici fuori dalle mura per le Edsi, giacché non si può vivere al di fuori di esse.
Per generare i duentu considerate le mura come la zona più protetta da schermature anti-radiazioni e pressurizzata; ciò che sta al di fuori di esse sono case-cubicoli autosufficienti (benché spesso si rompano). Gli umani viaggiano tra le case e la zona protetta grazie a tute spaziali e protezioni tecnologiche. Se vi appaiono dei porti, considerateli su dei fiumi e poco utilizzati perché rischiosi (il mare è troppo irruento per far sopravvivere dei duentu).
Per i villaggi degli autoctoni, invece, usate l’interno delle mura come zona comune dove potete trovare grandi concentrazioni di creature. Le mura in questo caso possono essere delle vere palizzate di roccia, legno o altri materiali nibirunensi; oppure possono anche essere protezioni naturali! Se avete dei porti nella mappa, considerateli più dei punti di attracco che dei veri e propri porti (sono pochissime le creature autoctoni intelligenti di Nibiru ad arrischiarsi ad entrare nelle acque, molti nemici le sfruttano per i loro poteri).

Se il villaggio è un Aggolmerato dei Dolem, considera che gli edifici che vedete nella mappa sono al 50% Dolem dormienti. Let’s that sink in…
Dave's Mapper Le Notti di Nibiru GDR Mappe

Generare Mappe conDave’s Mapper

Se non conoscete questo sito, andateci ORA e salvatelo tra i preferiti asap. Dave’s Mapper è un generatore sia casuale che interattivo di mappe, con decine di tiles disegnate da utenti diversi: è come creare una mappa-puzzle con tante tesserine. Qui potete sbizzarrivi, ma la grande quantità di possibilità ovviamente rende il sito meno spiccio da usare; inoltre creare una mappa grossolana per una metropoli come una Edsi potrebbe pesare molto sul software.

Creare un Duentu.

  1. Andate sul sito e attivate, sulla sinistra, il menù delle mappe Sci-fi Ship.
  2. Nonostante il nome, queste tiles sono ottime per disegnare i duentu, perché creano spazi molto somiglianti a dei lunghi labirinti di cunicoli – specie le mappe di Danilo Montauriol e David Millar.
  3. Dopo aver selezionato un tipo (o più tipi) di tiles, cliccando sulla mappa noterete dei comandi in verde in alto: potete scambiare tiles e anche ruotarli.

Un esempio di Duentu com’era originariamente…. chissà quali devastazioni e modifiche avrà subito negli anni!

Ora, è vero che con la mappa Sci-fi di Danilo Montauriol sembra tutto scintillante e perfetto. Però dobbiamo giocarcela così: molte delle cose che vedete in mappa sono tecnologie o stanze com’erano in passato.
Queste mappe potrebbero essere sparse per il duentu: in effetti, molti di essi sono costruiti su relitti di antiche astronavi. Sta a voi Narratori capire come gestire i vari tiles e nel caso vogliate qualcosa più vissuto optate per David Millar.

L’unica vera pecca di Dave’s Mapper è che non tutte le tiles contengono pezzi per generare i bordi della mappa: alcune creazioni sembrano pezzi di una infinita distesa di strade ed edifici! Per quelle che fortunatamente le possiedono, dovrete inoltre attivarle: cliccate sul menù a tendina Map Modes e mettete Closed-Edge. Poi incrociate le dita.

Creare un Agglomerato Dolem.

Seguite il procedimento per i duentu, ma questa volta con la mappa Stonewerks che trovate nelle Cave Maps.

Creare un villaggio di autoctoni e quartieri di Edsi

Stesso procedimento dei duentu, ma usando la mappa di Amanda Michaels che trovate nelle City Maps – benché i bordi non siano sempre coincidenti, argh!

Rispondi

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: